come-illuminare-casa

Si è soliti non prestare troppa attenzione al modo e agli accessori che si usano per illuminare ogni ambiente domestico, eppure la luce è protagonista di ogni spazio della propria casa e ha il potere di rendere realmente confortevole e accogliente la propria abitazione proprio a seconda della sua intensità e luminosità. A ogni casa la sua luce. Ogni stanza della casa avrebbe bisogno di una propria illuminazione specifica per risultare ai suoi abitanti davvero piacevole  e accogliente, eppure ancora oggi l’elemento luce viene spesso trascurato, tanto che le abitazioni rischiano di essere per lo più buie e scure. Quando non è possibile agire direttamente cambiando le aperture e le loro dimensioni, per creare più luce in casa è necessario scegliere un arredamento che abbia l’effetto ottico di ampliare e rendere più luminoso l’ambiente, quindi via libera a colori e tinte chiare degli arredi e degli accessori. Naturalmente qualche accortezza nell’arredamento non basta perché la casa acquisti più luminosità, per questo sarebbe meglio sapere come illuminare e come sistemare correttamente i diversi punti luce negli ambienti domestici in modo tale da valorizzare gli spazi creando al contempo la giusta atmosfera domestica. Esistono diversi elementi da tenere in considerazione quando si decide di acquistare una fonte luminosa, ovvero dimensione  e forma dei locali da dover illuminare, le attività che si svolgono al loro interno, il tempo in cui la luce resta accesa nel corso della giornata e, ovviamente, colore delle pareti e disposizione degli arredi. In un ambiente come la cucina, per esempio, la luce deve arrivare a illuminare completamente il piano di lavoro, il tavolo da pranzo e il piano cottura, inoltre la cucina, proprio per le attività che vi si svolgono, ha bisogno di un’illuminazione intensa e priva di ombre.

composizione-per-facebookUn progettista che si rispetti, al giorno d’oggi, dovrebbe tenere in altissima considerazione la possibilità di sfruttare la luce solare in casa. Ma anche quando si abita in un edificio più datato, e non costruito secondo i criteri attuali, è possibile approfittare dell’illuminazione naturale attraverso piccoli accorgimenti o l’implementazione di veri e propri sistemi di luce diurna, come quelli tubolari.

Come-illuminare-casa-per-favorire-il-benessere-visivo

Non è facile decidere come e dove posizionare le fonti luminose in una casa: a seconda delle dimensioni di ciascuna stanza e delle attività che si svolgeranno al suo interno, bisogna pensare al tipo di luci da inserire. Un passaggio non del tutto facile, soprattutto se non si può disporre della consulenza di un esperto.

La corretta illuminazione domestica

Il più delle volte quando si progetta una casa nuova o quando si ristruttura quella vecchia, si tende a prendere in considerazione diversi elementi per far sì di ottenere il risultato desiderato, eppure si tralascia sempre un fattore che, invece, risulta fondamentale per avere una casa realmente confortevole, ovvero la luce.

Troppe volte sottovalutato e trascurato, il comfort visivo in casa è un elemento che, invece, incide molto sulle prestazioni lavorative, sulla salute, la sicurezza, l’umore e l’atmosfera che si creano in casa propria. Trascurare la conformazione della propria abitazione e l’apporto della luce naturale dentro casa, significa anche sottovalutare gli svantaggi causati dalla ridotta luminosità naturale.

La luce naturale che entra in casa da balconi e finestre non riesce sempre a raggiungere e illuminare tutti gli angoli di una casa, basti pensare a quante volte si è costretti ad accendere una lampada per riuscire a leggere o a studiare meglio proprio perché la luce non penetra fino in fondo a una stanza. Oggi catturare la luce naturale in casa è possibile con particolari accorgimenti e sistemi di illuminazione.

Come illuminare le zone più scure della casa

solatube-come-catturare-la-luce-naturale-in-casaEsistono zone d’ombra anche nelle abitazioni che sembrano più luminose: laddove le aperture sono disposte solo su un lato e sono di piccole dimensioni, si deve cercare di sfruttare al massimo quella poca luce che entra in casa. Ma come? Una prima soluzione, molto apprezzata, è quella di abbattere le eventuali barriere presenti: per esempio, creare un ampio salotto unendo due piccole stanze mal illuminate potrebbe rappresentare una soluzione efficace per diffondere più luce in casa. Un altro sistema molto valido è quello di creare delle aperture stesso nei muri divisori: questo espediente permetterebbe da una parte di mantenere separati i vari ambienti domestici e dall’altra, consente al tempo stesso il passaggio della luce tra le varie stanze. Una  soluzione decisamente ideale per chi non desidera effettuare troppi cambiamenti in casa. Come detto, la luce entra attraverso le aperture, che siano balconi o finestre, e ovviamente la quantità di luce che penetra in casa dipende anche dalle dimensioni delle stesse aperture e dalla qualità del vetro di cui sono formate. In genere, è bene che balconi o finestre siano realizzati in vetro temperato, perché assicura anche una piena sicurezza degli abitanti di casa. Se si opta per la soluzione delle finestre divisori, invece, un ottimo materiale da usare è rappresentato dal vetro cemento, ideale per assicurare la privacy di stanze che richiedono più intimità come il bagno.

Qualità e quantità della luce in casa

La corretta illuminazione delle stanze di casa, però, non dipende solo dal tipo di aperture presenti, ma anche e soprattutto dall’orientamento stesso dell’edificio in cui si abita, che influisce molto sulla qualità e sulla quantità di luce naturale che può entrare in casa propria. In genere, le stanza rivolte a nord ricevono poca luce naturale, mentre gli ambienti che sono orientati verso est sono i primi a essere inondati dai raggi solari, i locali esposti a ovest fino a mezzogiorno non vengono raggiunti dal sole, invece le stanze esposte a sud ricevono una calda e continua illuminazione durante tutte le ore della giornata. Quindi, è importante scegliere la funzione di ogni ambiente domestico anche a seconda della qualità e quantità di luce naturale di cui possono usufruire durante la giornata. E se questa luce naturale potesse essere sfruttata anche quando diventa buio? Oggi è possibile sfruttare le potenzialità e le qualità della luce solare non solo durante il giorno ma anche durante le ore notturne se si decide di installare in casa un sistema di illuminazione a luce naturale. Il Solatube Daylighting System è uno dei maggiori rappresentanti di tali impianti di illuminazione che usano l’energia pura del sole quale fonte di luce principale in casa, e tutto grazie a un impianto altamente tecnologico in cui la luce del sole entra nell’impianto e si riflette fino poi a irradiarsi dentro casa. L’installazione di un tale sistema avviene in modo molto veloce e permette di risparmiare un bel po’ sulla bolletta elettrica: infatti, usare la luce del sole equivale ad avere a disposizione una fonte di energia inesauribile e rinnovabile al posto della luce artificiale, che spesso si rivela anche nociva per gli occhi. 

Con il diffondersi del concetto di risparmio energetico la prima domanda che molte persone si sono poste è: come risparmiare in casa? Esistono dei modi tangibili per riuscire ad applicare il principio del risparmio energetico in maniera corretta in casa propria?

Risparmio energetico, diamo i numeri

risparmio-casa-solatube
Cercare di ridurre le spese energetiche della propria abitazione è un problema che affrontano in molti ormai, soprattutto da quando i concetti di energia rinnovabile e di risparmio energetico hanno dato vita alla sfida del secolo, ovvero quella di cercare di ridurre il più possibile i consumi diminuendo gli sprechi. In parole povere, si cerca sempre più di risparmiare sulle bollette energetiche domestiche per trovarsi più soldini in tasca. Tanti sono stati e continuano a essere i consigli o i suggerimenti che sia le riviste del settore sia alcuni programmi televisivi o siti web elargiscono opportunamente al proprio pubblico, ma a oggi si riesce ancora a fare ben poco per limitare l’inquinamento ambientale e i consumi casalinghi. Se da una parte l’acquisto di elettrodomestici di classe energetiche di tipo A e A+ negli ultimi anni è aumentato, dall’altra si continuano a usare in casa detersivi o impianti energetici  che poco riescono a contribuire al benessere dell’ambiente. Oggi ricerche specifiche sui consumi domestici hanno rilevato come questi rappresentino il 33% di tutti i consumi nazionali e come siano fortemente superiori soprattutto in quelle abitazioni costruite nell’immediato dopoguerra e più vecchie, all’interno delle quali si registrano consumi addirittura più elevati dell’80% rispetto a un’abitazione moderna.  Volendo dare i numeri, il riscaldamento domestico assorbe ben il 75% dei consumi di una casa, l’illuminazione e i vari elettrodomestici incidono per il 15%, mentre il consumo d’acqua calda assorbe il 10%. Queste percentuali possono convincere anche i più dubbiosi a ristrutturare casa per ottimizzare le spese.

Risparmiare sulla luce di casa

Chi abita in una casa molto vecchia avrà sicuramente pensato a come risparmiare in casa. Molte volte, purtroppo, per abitazioni così vecchie è decisamente consigliabile una ristrutturazione generale per permettere alla casa di poter diventare davvero a prova di risparmio. Come indicato dalle percentuali, oltre al riscaldamento, incide sul consumo energetico anche l’elettricità, i cui costi sono determinati dalle luci e dall’uso degli elettrodomestici. Molte volte un consumo esagerato può essere dovuto alla vetustà dell’impianto elettrico della casa, in questo caso è consigliabile rivolgersi a esperti della materia per avere un responso su cosa fare per migliorare le prestazioni del proprio sistema elettrico. Una miglioria, che solo negli ultimi anni si è affermata anche in Italia per contribuire al risparmio dell’energia elettrica, è il sistema d’illuminazione d’interni a luce naturale. Sfruttando l’energia naturale del sole, è possibile usufruire in casa della luce naturale per illuminare ogni ambiente domestico. L’impianto a luce naturale permette di installare, al posto dei normali lampadari, dei diffusori di luce che riescono a  illuminare una stanza in modo omogeneo e completo senza lasciare angoli bui o più scuri. È possibile sistemare i diffusori nel modo più adatto alle proprie esigenze: la luce captata dal sistema, infatti, attraverso degli speciali tubi viene immessa direttamente in casa all’intensità preferita dai suoi abitanti. Optare per tale sistema d’illuminazione significa iniziare a incidere significativamente sulle spese domestiche, verificandone i risultati tangibili sulla bolletta energetica.

Una casa è decisamente più vivibile con la giusta illuminazione. La corretta luce in ogni ambiente riesce a cambiare talmente uno spazio da caratterizzarlo in modo fuori dell'ordinario, ed è sempre il tipo di luce a determinare l'umore e lo stato d'animo di chi abita la casa.

La luce del sole che plasma gli arredi

La luce riveste un ruolo fondamentale all'interno di un'abitazione, tanto da dover essere diversificata a seconda degli spazi che va a illuminare e in rapporto ai diversi angoli della casa in cui gli abitanti svolgono funzioni diverse e attività specifiche. Proprio in base allo scopo conferito a ogni ambiente domestico, si è soliti collegarvi più sistemi di luce studiati ad hoc per ottenere l'illuminazione desiderata. La giusta combinazione di luci, che emettono i vari tipi di lampade e lampadari ben posizionati, è in grado di prolungare la gradevolezza delle attività svolte e di aumentare la praticità e la razionalità dell'ambiente in cui si svolgono. Inoltre, la giusta luce contribuisce a trasformare la casa in un centro di incontro non solo per i familiari ma anche per eventuali ospiti, che si sentono ben accolti. Quindi, funzionalità e accoglienza di un'abitazione dipendono prevalentemente da come sono sistemate sia le luci artificiali sia la luce naturale, che entra da finestre e balconi.  Partendo dalla ricerca di caratteristiche quali la sobrietà e la dinamicità che si vogliono conferire agli ambienti di casa, si può scegliere l'illuminazione adatta a quello specifico spazio, che può essere la più classica, ovvero la luce generale a soffitto che permette di rendere subito luminoso l'ambiente, o la più particolare, rappresentata dal punte luce che è possibile sistemare in corrispondenza di un determinato arredo, come un tavolo o un divano. Se, invece, si vogliono far risaltare le linee dei propri arredi, soprattutto se si tratta di mobili e accessori dal design particolare o dai colori vivaci, si può ricorrere all'installazione di faretti: il fascio di luce, che creano, permette di illuminare i mobili e i pensili esaltandone le linee e conferendo a tutto lo spazio circostante un'atmosfera ricercata.

Intensità della luce per ogni spazio

Sfruttate per illuminare in maniera scenografica uno spazio, sono le lampade a sospensione verticale, che contribuiscono a creare una sorte di effetto "tenda di luce", soprattutto se vengono utilizzate per rendere luminosi tavoli in soggiorno o piani di lavoro in cucina. In altre stanze, per ottenere una luce più delicata o se si vuole creare uno spazio più efficiente e pratico, è possibile impiegare le nuove tecnologie applicate alle luci, che consentono di regolare l'intensità della luce. I  regolatori elettronici, che permettono di calibrare la luminosità della luce, conosciuti con il nome inglese di dimmer, vengono oggi applicati in numerosi campi per controllare la potenza di un carico. Chiamati anche varialuce in italiano, nell'ambito di un impianto di illuminazione, i dimmer possono regolare la luminosità della fonte di luce, per questo vengono usati con facilità anche nei sistemi che sfruttano la luce naturale, come il Solatube. Quest'ultimo è un sistema di illuminazione che usa la luce del sole per illuminare un ambiente. Poiché la luce arriva all'interno con la stessa intensità e luminosità esterna, per cui è possibile regolare la luce proprio applicando i dimmer laddove si rende necessario. La loro funzione risulta molto importante in un impianto a luce solare come il Solatube: il dimmer calibra la quantità di luce solare in modo da poter sfruttare solo quella necessaria per svolgere le consuete attività quotidiane in casa e per creare un'atmosfera rilassata e confortevole quando si desidera un po' di relax.

TOP

Questo sito utilizza cookies per garantire le proprie funzionalità ed agevolare la navigazione agli utenti, secondo la Cookie Policy. Cliccando "Acconsenti" l'utente accetta detto utilizzo.